Business Intelligence in chiave Open Source

Posted on 10 giugno 2008

0


I tools Open Source sono pronti per essere usati nella Business Intelligence e nel Data Warehousing. Essi competono con i prodotti commerciali offrendo funzioni di Data Management, reporting, OLAP, integrazione dei dati/ETL e analitica avanzata. Mettendo insieme questi prodotti con le piattaforme e i tools di sviluppo Open Source, oggi è possibile creare una soluzione completa di BI e di DW. Il Business Case per Open Source è chiaro: offre flessibilità, affidabilità e performance senza gli alti costi per le licenze software.
Di seguito vengono indicati i nomi dei software, o i nomi delle aziende che li hanno creati e che li stanno supportando.

– Pentaho http://www.pentaho.org
http://en.wikipedia.org/wiki/Pentaho
Pentaho fornisce capacità di reporting, analisi, dashboard, data mining e workflow.
– JPivot
[http://jpivot.sourceforge.net]
Jpivot è una libreria di tag JSP custom che consente di visualizzare una tabella OLAP ed eseguire su di essa le operazioni tipiche di navigazione, quali slice/dice, drill e roll-up.
Utilizza Mondrian come motore OLAP, ma può interagire anche con sorgenti dati XMLA (XML for Analysis). Jpivot si basa sulla libreria WCF (Web Component Framework) per il rendering degli oggetti grafici dell’interfaccia utente e sul noto pacchetto JfreeChart per il tracciamento di grafici.
– SpagoBI
SpagoBI è una suite di Business Intelligence professionale, interamente sviluppata e rilasciata in accordo con le migliori prassi delle comunita FOSS (Free Open Source Software).
Offre diverse soluzioni per ogni area analitica:
Reports, per presentare dati strutturati in modalità pixel-perfect
Analisi OLAP, per navigare attraverso i dati
Dashboards in tempo reale, per monitorare i KPI
Processi di data mining, per scoprire informazioni nascoste
Statistiche geo-referenziate, per pubblicare con una rappresentazione geografica i dati archiviati in normali data warehouse
free inquiry (QbE), per comporre liberamente le proprie interrogazioni, esportarne il risultato in fogli di lavoro e generare il primo template di reportistica
dossier analitici, per condividere informazioni pubbliche e private prima di una riunione (ad esempio nella contrattazione del budget, in una riunione di avanzamento progetti) o per archiviare collezioni tematiche di documenti (ad esempio il libro dei prodotti di una stagione con i relative dati di vendita)
documenti office, per pubblicare documenti office sotto il governo del model comportamentale
processi ETL/EII per raccogliere dati da molte e diverse sorgenti

– OpenI
[http://openi.sourceforge.net]
[http://en.wikipedia.org/wiki/OpenI]
OpenI è una applicazione web-based, basata su J2EE (Java Enterprise Edition), la cui installazione di base funziona sul Java server Tomcat.
OpenI fornisce soluzioni per costruire e pubblicare rapporti da risorse di dati OLAP come Microsoft Analysis Services o Mondrian, e provvede analisi consolidate per tutti i componenti chiave di una applicazione intelligente, includendo:
– OLAP fonti di dati OLAP;
– database relazionali;
– modelli di dati statistici;
– modelli di Data Mining.
OpenI™ è posseduto da Loyalty Matrix, Inc.

– Bizgres
[http://www.bizgres.org]
[http://www.greenplum.com]
Bizgres è un database server focalizzato nel supportare applicazioni di Business Intelligence.
Offre una robusta e ricca piattaforma per supporto alle decisioni.
Bizgres offre numerose caratteristiche critiche per le applicazioni di Business Intelligence:
Facilità di installazione
supporto multi-piattaforma
caricatore di grandi quantità di dati (bulk data)
connettività aperta agli strumenti di Business Intelligence
Bizgres si basa sull’ottimo database open source PostgreSQL.
– Eclipse software
[http://www.eclipse.org]
[http://en.wikipedia.org/wiki/Eclipse_(software)]
[http://en.wikipedia.org/wiki/Eclipse_Foundation]
Eclipse fornisce applicazioni “rich-client” (ovvero: pesantemente appoggiate sul lato client, un approccio opposto alle applicazioni “thin-client”, solitamente web-based).
Finora Eclipse è stato utilizzato per sviluppare IDE (Integrated Development Environment) come il Java Development Toolkit (JDT), il client Azureus (per file torrent) e lo stesso compilatore che viene fornito come parte di Eclipse stesso.
Eclipse è stato originariamente sviluppato da Object Technology International (in seguito acquistata da IBM), ma è ora supportato dalla Eclipse Foundation, un consorzio non-profit di aziende software di livello internazionale.
Alcune aziende, come Borland e IBM Rational, stanno adottando Eclipse come futura piattaforma di sviluppo per i loro IDE.
Atri:
– Greenplum (database) [http://www.greenplum.com]
– EnterpriseDb (database) [http://www.enterpricedb.com]
– EasyDE (BI) [http://www.easyde.it]

Giovanni Testaguzza