Il Web 2.0 ovvero la fine della Microsoft

Posted on 26 aprile 2006

0


Come sottolinea Rifkin, lo scambio di proprietà fra compratori e venditori sta cedendo il passo a un accesso temporaneo che viene negoziato fra client e server operanti in una relazione di rete. Nell’era dell’accesso il software sarà un servizio via web, e non più un prodotto acquistato e installato sul proprio PC. Niente più release e upgrade, dunque, ma un perpetual beta in costante aggiornamento, frutto dell’estremizzazione del concetto di release early and release often dell’open source. Flickr, ad esempio, aggiunge nuovi servizi al suo sito anche ogni mezz’ora e, monitorando in tempo reale la navigazione dei suoi utenti, è in grado di stabilire quali feature mantenere e quali no, e in che modo.
Dall’open source il Web 2.0 eredita anche il concetto di architettura aperta, che si traduce in un continuo processo di sperimentazione sul software da parte degli utenti-sviluppatori. Il some rights reserved della Creative Commons, che si contrappone al tradizionale all rights reserved, bene esemplifica questo processo di customizzazione e integrazione dei software in funzione delle esigenze dei suoi utilizzatori. Come per la Dell, il business model del Web 2.0 sarà basato sulla regola innovation in assembly.

È evidente come questa evoluzione del Web verso applicazioni di tipo collaborativo rappresenti una grave minaccia per la Microsoft. Il Web 2.0 porterà rapidamente all’obsolescenza di qualsiasi pacchetto one-size-fits-all basato su cessione di licenze di architetture chiuse e proprietarie. Al concetto di controllo, si sta sostituendo quello di cooperazione. Alla prospettiva desktop-centrica, una prospettiva internet-centrica. Alla visione di un individuo passivo e statico, la visione di un individuo che gestisce e modifica autonomamente applicazioni condivise. Se la Microsoft non adotta il modello network-based del Web 2.0 sarà destinata a estinguersi. You gotta move!

Dario Scittarelli.

Per approfondimenti:
http://www.oreillynet.com/pub/a/oreilly/tim/news/2005/09/30/what-is-web-20.html
http://blogs.zdnet.com/SAAS/?p=13
http://www.synthesist.net/writing/onleavingms.html

Messo il tag: ,
Posted in: corso di crm